martedì 4 aprile 2017

Noel Gallagher suona ed è premiato al concerto benefico di Teenage Cancer Trust

Il 30 marzo 2017 Noel Gallagher è salito sul palco della Royal Albert Hall di Londra nell'ambito del tradizionale appuntamento annuale con il concerto benefico organizzato dall'associazione Teenage Cancer Trust, che combatte il cancro adolescenziale. Ha preceduto il live degli Who e si è esibito in acustico insieme al tastierista dei Noel Gallagher's High Flying Birds Mike Rowe, proponendo i seguenti brani:

Everybody's on the Run
Supersonic
If I Had a Gun
Half the World Away
Wonderwall
AKA ... What a Life!
Don't Look Back in Anger

L'ex Oasis è un amico dell'associazione da anni e più volte ha partecipato al concerto che si tiene ogni anno nel mese di marzo. Quest'anno ha ricevuto uno speciale riconoscimento come ambasciatore benefico, riservato a coloro che negli ultimi 17 anni hanno dedicato il loro tempo alla causa del TCT.

Nel ricevere il premio, una statuetta disegnata da Jamie Hewlett e raffigurante il logo dell'evento, Noel ha detto: "Partecipai alla prima edizione, con gli Who. Penso che all'epoca nessuno avrebbe immaginato chesarebbe divenuto un appuntamento così importante nel calendario musicale. Ed è una grande cosa che ha fatto Roger (Daltrey)".


"Non ci vuole molto per convincermi a venire qui. Amo i ragazzi e la causa benefica e tutto quello. Non mi stanco mai di suonare alla Albert Hall. C'è qualcosa che solo i musicisti provano calcando quel palco. È una sensazione piuttosto magica. E non ho mai fatto un brutto concerto qui. E associo le settimane dei concerti a splendide serate trascorse fuori. Vedo le band che amo e incontro persone che forse prima non ho incontrato o che non vedo da anni. Spero che continui. Le aspetto davvero con grande trepidazione. E non si potrebbero mai ringraziare abbastanza tutti gli artisti che negli anni hanno preso parte all'evento".

Intanto Daltrey, organizzatore dell'evento, ha detto alla rivista NME: "Vorrei arrivare a 20 edizioni e poi per me sarebbe abbastanza. Forse passerò il timone a Noel o a qualcun altro, un giovane. Penso che tra tre anni giungerà per me il momento di passare lo scettro a qualcun altro. Sono sicuro che ci sarà qualcuno disposto a farlo.  Li metterò in guardia sul fatto che ci vuole molto più impegno di quanto immaginino, ma è la fatica più remunerativa che si possa mai fare. Non in termini economici o qualcosa del genere, ma perché ti riempie di qualcosa che il denaro non può comprare. È straordinario".

"Può risultare frustrante per Roger cercare di coinvolgere qualche giovane", commenta Noel, "ma si spera che Ed Sheeran possa invertire la rotta".

Source: NME


Nessun commento:

LinkWithin

Related Posts with Thumbnails