lunedì 25 luglio 2016

Noel Gallagher contro i fan che chiedono selfie. Poi parla di regole di vita e di come educa i figli

Intervistato negli USA dalla rivista Rolling Stone (audio alla fine del post, l'intervista risale a maggio ma è stata diffusa l'11 luglio), Noel Gallagher ha parlato di ciò che lo caratterizza come persona originaria di Manchester, delle sue città preferite, dei suoi eroi musicali, delle sue regole di vita, dei fan che gli chiedono i selfie, dei suoi libri preferiti e di molto altro. 

Ecco una seconda traduzione delle sue parole. 

PARTE 2 - CLICCA QUI PER LA PARTE 1

Qual è la parte migliore del successo e quale la peggiore?

La parte migliore del successo sono i soldi. Avere una bella casa in cui far vivere tua moglie e i tuoi figli, dar loro tutto ciò che desiderano è una cosa eccezionale. Non so se ci sia uno svantaggio della fama, non credo di averne mai sperimentato uno. Ci sono cosine futili. Sai, è imbarazzante essere inseguiti nei reparti dei supermercati. Tu sei lì che cammini, stai andando a comprare la biancheria intima e c'è gente che ti segue con i telefonini per fare le foto e merdate simili. Non ho ancora sperimentato, però, uno svantaggio della fama. Non capisco la gente che se ne lagna e se ne lamenta fottutamente. 

Man mano che la società va avanti bisogna che i giovani siano preparati a questo. Se sei un ragazzetto che è da poco nel mondo della musica e il tuo album sta per sfondare, devi essere preparato alla fama. Perché per 50, 60 anni questa cosa è andata avanti prima che arrivassi tu, quindi ti ci devi abituare, cazzo! Non è stata mai un problema per me. Non è una cosa che abbia mai agognato, ma l'ho accolta a braccia fottutamente aperte. Pensavo: 'Cazzo, ne trarrò fuori tutto il possibile!'. Mi sono goduto ogni singolo giorno della fama. È fantastica. 

Sei stufo dei fan che ti chiedono selfie con loro?

A loro dico semplicemente di andarsene a fare in culo. Non mi faccio mettere in soggezione da uno con la fotocamera del telefonino. E non mi frega neanche se pensano che sia uno stronzo. Rifiuto foto da parte della gente ogni giorno. Specialmente in quest'epoca la gente si risente ... ti chiede: 'Possiamo fare una foto?'. Tu fai: 'No'. E loro: 'Davvero?'. Tu fai: 'Sì, sul serio. Sono fottutamente impegnato a comprare la biancheria intima, capisci?'. C'è gente che si offende e gente che insiste, insiste così tanto ... Se ne ho voglia lo faccio, se non ne ho voglia vadano a fanculo. Non vivo la mia vita per farmi scattare foto dai fan, che comprino o dischi o meno. Non chiedo a loro di comprare i miei dischi, li comprano perché li apprezzano. 

Dimmi quali sono le regole più importanti cui impronti la tua vita. 

Le regole più importanti sono: conosci te stesso, sii orgoglioso di te, una moglie felice è una casa felice, una casa felice equivale ad una vita felice.  Ricorda sempre ai tuoi figli - e io questo lo faccio regolarmente - questo: 'Sei grandioso, sei giovane e sei bello, ma voglio che tu sappia che non sarai mai figo quanto me. Mai. OK? Quindi prenditi il tuo fottuto skateboard e le tue merdate, vai fuori nel fottuto giardino con tuo fratello e gioca al fottuto calcio, perché non sarai mai figo quanto me'. 

E loro?

Concordano. Fanno: 'Sappiamo. Lo sappiamo, cazzo! Gli Oasis, bla bla bla'. 

Altro?

Sii te stesso. Non dare mai per scontato nessun aspetto positivo di quello che fai. Rimani concentrato sul tuo lavoro perché se il tuo lavoro è fantastico, interessante e importante allora non è necessario che lo sia tu, capisci? Io non devo essere bravo e carino con le persone, perché la gente apprezza la mia musica e il rapporto finisce lì, capisci? 

Sei conscio del fatto che i tuoi figli non hanno avuto l'infanzia che hai avuto tu? Con tutte le cose che tu puoi offrire loro ...

Ovviamente. Come ho detto all'inizio, io sono un ragazzo di un quartiere popolare di Manchester. I miei figli non provengono da un quartiere popolare di Manchester. E a me non interessa minimamente che sperimentino quello stile di vita sol perché l'ho fatto io. Ho detto che una delle mie regole di vita è: conosci te stesso, sii orgoglioso di te. Lo stesso vale per loro. Devono sapere chi sono ed essere fieri di chi sono. 

Negli anni '90 la maggior parte delle persone che facevano parte di band fingevano di provenire dalla classe operaia perché era considerato figo per via degli Oasis. E ora è considerato figo essere della classe media. La realtà è che sono fighe entrambe le cose, capisci? Bisogna sapere chi si è e andarne fieri, cazzo! E andare avanti. 

FINE PARTE 2
Segui i prossimi post per leggere le altre parti dell'intervista di Rolling Stone a Noel. 



venerdì 22 luglio 2016

Liam Gallagher, un tweet per annunciare il ritorno musicale: "Abbiate paura, rocker di plastica. Sto arrivando"

Liam Gallagher, 19 luglio 2016
Liam Gallagher potrebbe tornare a breve con un nuovo progetto musicale. Dopo un silenzio artistico durato oltre due anni, l'ex cantante di Oasis e Beady Eye ha affidato a Twitter un messaggio nel quale sembra lasciare intendere la sua volontà di tornare a fare musica. Per una volta Liam dimentica di prendere di mira il fratello Noel e pare fare riferimento ad un imminente ritorno sulle scene del music business, ma il contenuto del messaggio resta piuttosto criptico:..

"Abbiate paura voi cosiddetti menestrelli e voi rocker di plastica. Date alla vostra corona di carta un ultimo tenero abbraccio, perché sto arrivando io. LG x". 

Un messaggio che ha subito stimolato la reazione dei fan, che rispondendo al tweet gli hanno chiesto se ci fosse un album in uscita, senza ricevere una risposta. Ora non resta che aspettare le prossime mosse di Liam, sperando che non si tratti soltanto di uno dei suoi numerosi "sfoghi" social.

Thanks to Beady Eye Italia

Oasis, annunciata la ristampa di Be Here Now. Ci sono anche i demo di Mustique




Tanto tuonò che piovve. È stata, infatti, annunciata ufficialmente oggi dalla Big Brother Recordings la data dell'attesa ristampa del terzo album degli Oasis, Be Here Now, edito originariamente nel 1997. La riedizione, inizialmente annunciata due anni e mezzo fa insieme a quelle di Definitely Maybe e (What's the Story) Morning Glory?, non era più stata pubblicata e sembrava essere stata abbandonata. Poi, nel maggio dello scorso anno, era stato lo stesso Noel Gallagher a tranquillizzare fan e collezionisti, confermando che la ristampa avrebbe visto la luce. E annunciando anche la pubblicazione dei famosi demo di Mustique, oggetto del desiderio degli appassionati.

L'edizione rimasterizzata di Be Here Now sarà disponibile dal 7 ottobre 2016 e includerà lati B di singoli, demo, brani inediti, remix e tracce rare quali, appunto, i demo registrati sull'isola di Mustique, dove Noel si ritirò in "esilio compositivo" insieme al produttore Owen Morris e una drum machine nell'estate del 1996, dopo i grandiosi concerti di Knebworth. Ne risultarono 14 brani registra il nucleo originario (i demo) di Be Here Now, che poi sarebbe stato ovviamente affidato alla voce di Liam. 

Tra le altre chicche, una versione di Stand By Me registrata nello studio situato nell'abitazione del chitarrista Paul Benjamin "Bonehead" Arthurs, una cover acustica di Setting Sun, pezzo dei Chemical Brothers cui Noel collaborò contribuendo al testo e prestando la propria voce, e la prima versione dal vivo di My Big Mouth, presentata a Knebworth Park nell'agosto 1996.

Non manca una versione odierna e "ripulita", ripensata da Noel ("NG's 2016 rethink"), della hit D'You Know What I Mean? (la nuova copertina è qui a destra), il singolo di lancio del disco, uscito il 7 luglio 1997. Il brano è disponibile su YouTube e per lo stream anche su Spotify, oltre che come download istantaneo con tutti i pre-ordini dell'album.
"Con il passare degli anni ho iniziato ad accettare il fatto che le canzoni di Be Here Now fossero in realtà follemente ... troppo lunghe! A qualcuno (non ricordo chi) venne l'idea di farci rivisitare e rimodificare l'intero album per i posteri. Siamo arrivati a farlo per la prima traccia, poi non ce ne poteva fregare di meno e abbiamo mollato. Suona fottutamente grandioso però".

Noel Gallagher
La riedizione masterizzata di Be Here Now è la terza del ciclo Chasing The Sun ed è disponibile nei seguenti formati: CD standard, digital download standard, triplo CD, deluxe digital download, vinile standard e Super Deluxe Box Set (con LP, triplo CD con tutti i bonus, libro coffee table, un vinile esclusivo, un 12 pollici white label con i "Mustique demos" e vario merchandising della band).

CLICCA QUI PER PREORDINARE LA TUA VERSIONE.

Si preannuncia, dunque, un ricco mese di ottobre per i fan degli Oasis, che in quel mese vedranno anche per la prima volta il nuovo docufilm Supersonic

Questi i brani inclusi nelle edizioni più complete (ovviamente quelle standard contengono il solo album originale rimasterizzato):

Disco 1 - 'Be Here Now' Chasing The Sun Edition:
'D’You Know What I Mean?'
'My Big Mouth'
'Magic Pie'
'Stand By Me'
'I Hope, I Think, I Know'
'The Girl In The Dirty Shirt'
'Fade In-Out'
'Don’t Go Away'
'Be Here Now'
'All Around The World'
'It’s Gettin’ Better (Man!!)'
'All Around The World (Reprise)'

Disco 2 – B –sides & Extra Tracks:
'Stay Young'
'The Fame'
'Flashbax'
'(I Got) The Fever'
'My Sister Lover'
'Going Nowhere'
'Stand By Me' (Live At Bonehead’s Outtake)
'Untitled' (Demo)
'Help!' (Live In LA)
'Setting Sun' (Live Radio Broadcast)
'If We Shadows' (Demo)
'Don’t Go Away' (Demo)
'My Big Mouth' (Live At Knebworth Park)
'D’You Know What I Mean?' (NG’s 2016 Rethink)

Disco 3 – Mustique Demos:
'D’You Know What I Mean?' (Mustique Demo)
'My Big Mouth' (Mustique Demo)
'My Sister Lover' (Mustique Demo)
'Stand By Me' (Mustique Demo)
'I Hope, I Think, I Know' (Mustique Demo)
'The Girl In The Dirty Shirt' (Mustique Demo)
'Don’t Go Away' (Mustique Demo)
'Trip Inside (Be Here Now)' (Mustique Demo)
'Fade In-Out' (Mustique Demo)
'Stay Young' (Mustique Demo)
'Angel Child' (Mustique Demo)
'The Fame' (Mustique Demo)
'All Around The World' (Mustique Demo)
'It’s Gettin’ Better (Man!!)' (Mustique Demo)

Vedi anche


Noel Gallagher: "Be Here Now è l'album che preferisco di meno. I Blur? All'epoca ero ubriaco e fatto"

martedì 19 luglio 2016

Noel Gallagher: "Vi spiego il mio legame con Manchester e vi svelo le mie città preferite"

Intervistato negli USA dalla rivista Rolling Stone (audio alla fine del post, l'intervista risale a maggio ma è stata diffusa l'11 luglio), Noel Gallagher ha parlato di ciò che lo caratterizza come persona originaria di Manchester, delle sue città preferite, dei suoi eroi musicali, delle sue regole di vita, dei fan che gli chiedono i selfie, dei suoi libri preferiti e di molto altro. 

Ecco una nostra traduzione delle sue parole, traduzione che vi proporremo in varie parti di qui ai prossimi giorni. 

PARTE 1

Noel, dimmi quali sono le prime cose di Manchester che hai.

Il mio accento, il mio senso dell'umorismo e la mia visione della vita. La prima cosa di me che hanno notato gli americani è stata il mio accento. Quando venni in America per la prima volta mi sottotitolarono su MTV, cosa che trovai molto fottutamente buffa. Quando tornai a Manchester e dissi ai miei amici che mi avevano messo i fottuti sottotitoli, mi risposero: 'Ma che cazzo? Sul serio?'. E io: 'Sì' ... Anche i miei vestiti penso che mi caratterizzino come mancuniano. Sì, le cose che riguardano l'apparenza. 

Se fossi nato in una famiglia chic le cose per te sarebbero state molto diverse. Sarebbe cambiato tutto per te.

Certo. Il luogo in cui nasci dice molto di te, specialmente in Inghilterra. Non lo so se negli States o nei grandissimi paesi sia così, ma in Inghilterra viviamo in un paese che è la metà del Texas e ha circa 50 accenti regionali diversi, ognuno completamente diverso dall'altro. E culture diverse in parti diverse del paese, quindi dove nasci in Inghilterra dice tutto di te. Se fossi nato ragazzo della classe media del Buckinghamshire non penso neanche che avrei fatto parte di una band. 

Sono sicuro che tu sia riconoscente verso Manchester per essere cresciuto lì, ti ha formato. 

Sono molto orgoglioso di essere mancuniano, anche se non abito più a Manchester. Sono fiero di essere originario di quel luogo. Mi ha dato tutto, mi ha fornito una grande istruzione musicale. Tutti i miei eroi musicali - New Order, Smiths Joy Division, Stone  Roses, Happy Mondays - erano di Manchester, erano grandi band e band iconiche, mi hanno dato qualcosa cui aspirare.

Dimmi quali sono le tue città preferite. 

Ne ho tre e non te le dico in ordine di preferenza. Londra, dove vivo. Ci vivo da 23 anni ed è ancora uno dei posti più belli del mondo. È un posto fantastico dove vivere, uscire, divertirsi.

Scusa, ne ho quattro. Devo menzionare Manchester, altrimenti mi taglieranno la gola la prossima volta che tornerò a Manchester. Manchester perché è la città della mia squadra del cuore e delle mie origini. Ed è dove ha avuto origine ogni cosa che mi riguarda. Cammino per le strade di Manchester e mi sento a casa. 

La terza è New York. Penso che gli attentati terroristici del 2001 abbiano sconvolto il mondo perché chiunque sia stato a New York ci si è innamorato e si è sentito parte di New York, perché ogni singola gara ha toccato il porto di New York, perché è il melting pot multiculturale originario. 

Noel Gallagher in una foto del 1988
Penso che chiunque nel mondo abbia una qualche connessione con New York, per lo meno quando ci va.  C'è una grande comunità irlandese lì, ci sono inglesi, spagnoli, persone di tutti i tipi. C'è gente che viene da tutto il mondo e New York è un'idea favolosa, nessuno sa ancora cosa sia e dove andrà a finire. È un posto straordinario. Quando ti danno il programma del tour non vedi l'ora di andarci. Fai: 'Per favore, per favore non fatemi andare a New York a novembre, cazzo, perché mi si congelerebbero i testicoli, ne sono fottutamente sicuro!'. Quindi se sei fortunato ci vai in primavera o in autunno. 

La quarta città è Buenos Aires, in Argentina. Non so se tu ci sia mai stato, ma per me è la New York del Sudamerica. C'è gente fottutamente incredibile. Se da ogni città che visiti ti porti via dei ricordi, io di Buenos Aires serbo i ricordi migliori, a Buenos Aires ho fatto i concerti migliori, le persone più belle. Anche a New York, Londra e Manchester. Di Manchester ho ricordi incredibili, mi ha reso ciò che sono. A Londra vivo ogni giorno, i miei amici e i miei figli sono lì, sai ...

oasisnotizie - segue nei prossimi giorni

FINE PARTE 1
Segui i prossimi post per leggere le altre parti dell'intervista di Rolling Stone a Noel. 



lunedì 18 luglio 2016

Resa nota la data di uscita in Italia del nuovo documentario sugli Oasis

Noel Gallagher aveva promesso che nel nuovo documentario sugli Oasis, in uscita ad ottobre, ci saranno bestemmie. Nel frattempo è stata resa nota la data di uscita di Supersonic nei cinema italiani.

La pellicola, diretta dal regista Mat Whitecross, vede James Gay Rees, premiato con l'Oscar per il film Amy su Amy Whinehouse, nelle vesti di produttore ed è stata realizzata in collaborazione con Fiona Neilson, Simon Halfon e il produttore esecutivo Asif Kapadia. 

Il film diretto da Whitecross, noto per aver già diretto molti video dei Coldplay e Spike Island (2012), il docufilm sul noto concerto del 1990 degli Stone Roses, sarà pubblicato nelle sale cinematografiche inglesi il prossimo ottobre, mentre ora è nota anche la data di diffusione nelle sale italiane. 

Lucky Red lo distribuirà nelle sale del Bel Paese con uno speciale evento il 7-9 novembre 2016.

Fonte: cineblog.it 


LinkWithin

Related Posts with Thumbnails